3318

b2ap3_thumbnail_Donna-africana.jpg

 

Oggi il mondo celebra la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

Anche io scelgo di scendere in campo per “dare un volto” a questa gravissima piaga sociale. Lo faccio in via eccezionale rispetto a quello per cui sono nati i foodtales perché è una causa che mi sta molto a cuore.

Il volto è di una giovane donna africana e i motivi della scelta si possono facilmente intuire.

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Africana
4511

b2ap3_thumbnail_foodtales.it_bat-otello.JPG

 

Questo  piatto è venuto fuori qualche anno fa pensando ad Halloween in una maniera diversa dal solito.

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Halloween Pipistrello
3941

b2ap3_thumbnail_092_wm.jpg

 

Per me settembre è sempre stato il mese dei farò. Delle giornate da organizzare e far ripartire. Progetti nuovi e tanta energia da mettere in campo.

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
4037

b2ap3_thumbnail_foodtales.it_melanzane.JPG

 

L’aspetto delle melanzane, nel mio immaginario, ricorda quello di piccoli gnomi. Gnomi nostrani che vivono negli orti e sono dediti alla buona cucina.

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Gnomi
3214

b2ap3_thumbnail_foodtales.it_melanzane.JPG

 

C'ERA UNA VOLTA E C'E' SEMPRE STATO

UN LUOGO FANTASTICO CHE VA INNAFFIATO

DOVE GLI ORTAGGI CRESCONO IN FRETTA

RASTRELLO, SEMENTI E UNA PALETTA

C’ERA UNA VOLTA E OGGI C'E' ANCORA

DI BUFFI GNOMI E' LA DIMORA

COME SI CHIAMA LO SAI PURE TU

DI MELANZANE VIVON TRIBU'

Ultima modifica il
Vota:
Taggato in: Filastrocche Gnomi
4433

b2ap3_thumbnail_20160621_181258_wm.jpg

 

Sono stata invitata dalla Direttrice dell' Istituto Maria Ausiliatrice di Soverato per un laboratorio “di cucina” con i bambini del campus estivo.

Un centinaio in tutto, divisi per età, in due giornate.

In qualità di esperta cuoca di pipistrelli, ragni e dinosauri (qualcuno nutre dubbi al riguardo? laughing)

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Papere
3990

b2ap3_thumbnail_83930740-a295-4992-a1f0-00a6bceacb54.jpg

 

Sono completamente e irrimediabilmente in ritardo. Questo post, rinviato per giorni e giorni e a ricordarmelo, la replica dell’altra sera di una puntata di Ulisse, condotta da Alberto Angela e dedicata al Museo Egizio di Torino.

L’abbiamo seguita tutta d’un fiato. La maestria di Angela ci ha fatto rivivere l’emozione grande della visita al museo, poco più di un mese fa.

Torino era già nei nostri piani e abbiamo deciso di partire per seguire “Filastrocche a tavola” al Salone del libro. Proprio come si fa per un figlio quando è chiamato ad esibirsi in una recita scolastica o in un saggio. Non potevamo non supportare il  nostro libro nel suo debutto torinese e dunque lo staff/famiglia al completo si è mosso alla volta di Torino.

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
4746

b2ap3_thumbnail_LEO-E-BEA-gemelli-vivaci_wm.jpg

La giornata è cominciata con un regalo inaspettato. Un cuore luccicante e un biglietto arancione lasciato sul computer.

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
4378

b2ap3_thumbnail_ezpdf.snapshot.0.png

E’ il mio primo libro e lo presento domani alle 18 a Soverato (Cz).

Se siete da quelle parti, vi aspetto. Anzi no.Vi aspettiamo!

Ci sarà l’editore, ci sarò io, ci sarà la Dott.ssa Carla Cosco, psicologa e psicoterapeuta che ha curato la prefazione di Filastrocche a tavola. Saremo lieti di guidarvi in un viaggio tridimensionale attraverso i Foodtales, dove cibo, emozioni e convivialità si incontrano.

Così ne hanno parlato alcuni giornali locali:

 

Sabato 16 aprile alle 18.00 all’Istituto Maria Ausiliatrice di Soverato verrà presentato   il libro  “Filastrocche a tavola”, Ed.  La Rondine,  che rappresenta  l’esordio letterario  della soveratese Enza Minniti. Accanto all’autrice troveremo la dott.ssa Carla Cosco,  che ha curato la presentazione del volume, e l’editore Gianluca Lucia. “Filastrocche a tavola “ è un coloratissimo testo  di 46 pagine, impreziosito da bellissime immagini,  che fa comprendere che gustare il cibo non è solo un fatto di pancia. L’opera  è  divisa per colore  in quattro sezioni: Foodtalles di terra ( verde);  i Foodtales di mare ( azzurro); i Foodtales di aria ( giallo); e Foodtales di fantasia ( rosa). Dopo la diagnosi di celiachia della primogenita, quando cucinare e mangiare stava diventando un problema, l’autrice Enza Minniti ha deciso di reinventare il momento del pasto. Le sue filastrocche, infatti,  hanno una marcia in più, forse sarà per i simpatici “ Foodtales” e la loro anima. Del resto il sottotitolo del volume: “ Cibo in 3d”, ci invita ad indossare gli occhiali speciali e ci catapulta in un mondo parallelo  in compagnia dei “Foodtalets”. Il pranzo quotidiano si veste di mille colori e diventa un momento di intrattenimento tra genitori e figli, una parentesi gioiosa che rende ancora più bello lo stare insieme e condividere con mille personaggi, uno diverso ogni giorno, questa  gaiezza. Ogni giorno il momento del pranzo è atteso con impazienza, chi ci sarà oggi? Chi busserà alla nostra porta? Forse  la chioccia Fabrizia col suo pulcino, o Giotto il leprotto,oppure Serafino maialino o ancora Emilio gatto un po’ matto o ancora Pinocchio il ranocchio…

Consiglio: un libro da leggere per mamme e bambini!

 

 

b2ap3_thumbnail_ISBN-9788899135300_20160415-151245_1.png

 

Per saperne di più cliccate qui: Filastrocche a tavola... il libro!

Ultima modifica il
Vota:
4523

b2ap3_thumbnail_011_wm.jpg

 

"Il Signore Gesù è risorto, è veramente risorto". Questo è il solenne annuncio pasquale che risuona in tutto il mondo. Con la sua risurrezione Gesù conferma ciò che diceva di essere: "Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno" (Gv 11,25-26).

Cristo è risorto! E' il grido che sconvolse i discepoli in quel lontano giorno di Pasqua e li riempì di gioia.

Cristo è risorto! Questa, anche per noi oggi, è la lieta notizia che ha il potere di cambiarci la vita: di colmarla di gioia, di pace, di coraggio, di luce... di quella vera felicità che finora, forse, abbiamo cercato senza trovare. (Messalino Shalom, 27 marzo 2016).

Buona Pasqua!

E per chi volesse infornare campane e coniglietti...

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
3986

b2ap3_thumbnail_tutto-di-nuovo-223_wm.jpg

 

La birichina Marilù adora il suo papà e ha deciso che domani lo stupirà. Armata di buone intenzioni prende carta e penna per scrivere una poesia, pensa, pensa ma ogni parola scappa via.

Allora comincia a disegnare: un occhio di qua e uno di là, il naso all'insù, ma la bocca come si fa? Neanche il disegno è il suo forte.

Vorrebbe cucirgli una cravatta: prende stoffa, filo, forbici e comincia... -aiutooo mammaaa!- uno spillo si è infilato nel ditino, che dolore! In lacrime corre dalla mamma che la stringe a sè e le sussurra dolcemente:- agisci con amore e il risultato arriverà-.

Marilù ha soli 7 anni ma è una bambina molto tenace, il regalo domani ci sarà! All'alba si precipita in cucina e con l'aiuto di mammina prepara una torta sopraffina. Ne taglia più fette, aggiunge il caffè, lo zucchero è qua, la marmellata dove va? BUON GIORNO PAPA'.

 

 

b2ap3_thumbnail_buon-giorno-pap-1_wm.jpg

CIAMBELLA AL CAFFE'

350g farina00

250g zucchero

3 uova

130g burro

3 tazzine di caffè amaro (130ml circa)

1 cucchiaio di caffè liofilizzato

1 bustina di lievito

un pizzico di sale

Preparare il caffè e lasciarlo raffreddare. Imburrare e infarinare uno stampo per ciambelle. Montare le uova intere e lo zucchero con una frusta. Aggiungere il burro ammorbidito, il caffè freddo, il caffè liofilizzato e il pizzico di sale e continuare a lavorare. Unire la farina a cucchiaiate e infine il lievito. Quando il composto risulterà omogeneo, versarlo nello stampo e infornare.

Ultima modifica il
Vota:
Taggato in: Papà
4508

b2ap3_thumbnail_Fedelt-Filigrana.jpg

 

Cibo e Parola. In collaborazione con Maria di Chiamati alla Speranza.

 

 

FEDELTÀ E MISERICORDIA: IL NOME DI DIO

 

«Dio proclama il proprio nome! Lo fa alla presenza di Mosè, con il quale parlava faccia a faccia, come con un amico. E qual è questo nome di Dio? Ogni volta è commovente ascoltarlo: "Il Signore, il Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di grazia e di fedeltà" (Es 34,6). 
Sono parole umane, ma suggerite e quasi pronunciate dallo Spirito Santo. Esse ci dicono la verità su Dio: erano vere ieri, sono vere oggi e saranno vere sempre; ci fanno vedere con gli occhi della mente il volto dell’Invisibile, ci dicono il nome dell’Ineffabile. 
Questo nome è Misericordia, Grazia, Fedeltà». 

 

(Benedetto XVI, Omelia, 17 maggio 2008)

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Cibo & Parola
3944

b2ap3_thumbnail_002-1_wm.jpg

 

C’è qualcosa di più appagante per una madre che far sorridere le proprie figlie?

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Farfalle
4856

b2ap3_thumbnail_Digiuno-Gola--filigrana.jpg

Cibo e Parola. In collaborazione con Maria di Chiamati alla Speranza.

 

DIGIUNARE PER NON CHIUDERE IL CUORE

L'episodio biblico del ricco epulone (Lc 16,19-32) che lascia letteralmente morire di fame il povero Lazzaro, nonostante quest'ultimo mendichi alla sua porta, rende chiaramente evidente l'insidia del vizio capitale noto come «gola»: aprire la bocca per riempirsi il ventre, ma chiudere il cuore, conducendo così l'anima alla morte eterna.

 

 

 

La golosità è l'esagerazione nei piaceri del cibo e dell'alimentazione, soprattutto quando provoca danni alla salute o quando per egoismo lo sottraiamo a chi ne ha bisogno.

 

 

 

(Vincenzo Bertolone, Traditio Fidei: conoscenza e amore? O amore e conoscenza... per essere felici, Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, 2012, n. 192, p. 65)

 



 

Morte del corpo o morte dell'anima?

 

 

 

Il brano lucano sottolinea con grande finezza (e senza filtri edulcolorativi) la grande disparità che passa tra le ingiustizie di questa terra e la giustizia del Regno dei cieli. Durante la sua esistenza terrena Lazzaro si trova a mendicare alla porta del ricco, ma non riceve nulla da lui. Anzi, l'epulone neppure lo vede. La sua golosità lo ha annebbiato a tal punto da non fargli avere occhi per i bisogni altrui.

 

Interviene però - e qui comincia il rovesciamento delle sorti - quella che Totò chiamava «'A livella», «La livella»: la morte. L'atto conclusivo della vita "materiale", quell'accadimento che tocca tutti, che rende ciascun essere uguale a un altro: mortale. «Un giorno il povero morì. Morì anche il ricco e fu sepolto» (v. 22).

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Cibo & Parola
5096

b2ap3_thumbnail_ISBN-9788899135300.png

 

Il viaggio virtuale dei Foodtales continua sulla carta stampata (Recensione sul BLOG "Mamma Pret a Porter").

Ebbene sì, mi pare ancora strano e ho faticato a figurarmelo finché non l’ho avuto in mano. Perché il blog è il blog, mentre il libro è una cosa reale, da toccare, sfogliare, annusare, e per quelle antiche come me, ha un fascino particolare, una capacità tutta sua di coinvolgere, è lì pronto per essere usato, ti invita, non si spegne mai, vive di luce propria.

E’ uscito da pochi giorni e si intitola “Filastrocche a tavola. Cibo in 3D” edito da La Rondine.

In copertina ammiccano le facce di cibo, un assaggio di alcuni personaggi che popolano le pagine.

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
5197

b2ap3_thumbnail_Digiuno-superbia-filigrana-1.jpg

 

Cibo e Parola. In collaborazione con Maria di Chiamati alla Speranza.

 

 

DIGIUNARE DAL VIZIO "CAPITALE"

 

 

 

«Il diavolo vince chi riesce a rendere superbo» [1] così come egli è . Non per nulla la superbia è il primo dei vizi capitali [2], da cui derivano tutti gli altri. 

 

 

 

Superbia è il disordinato desiderio di onori e di superiorità; è grave quando porta l'uomo a non sottomettersi neppure a Dio; è veniale quando la persona, pur sottomettendosi all'autorità, conserva uno sregolato desiderio di distinzione. Questo può divenire grave quando sia congiunto ad ingiustizia pesante verso altri, o motivo di peccati gravi. (Gerardo Cappelluti, Vademecum di teologia morale, Libreria Editrice Vaticana, 2006, n. 14, p. 18)

 



 

Orgoglio e superbia 

 

 

 

L'orgoglio non va associato, in toto, alla superbia. L'orgoglio può essere, infatti, "positivo". Galimberti lo definisce come «quella piacevole impressione che nasce nella mente quando ci sentiamo soddisfatti di noi stessi per la nostra virtù, bellezza, ricchezza o potere» per cui «il giusto orgoglio è un atto di giustizia verso di sé. Chi lo possiede non è presuntuoso» [3]. Il sano orgoglio è proporzionale alle capacità e alle doti, al lavoro svolto, ai risultati raggiunti. L'orgoglio positivo non distorce la percezione dell'io, non altera la realtà e non falsa i rapporti con gli altri. 

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Cibo & Parola
5095

b2ap3_thumbnail_Digiuno-spreco-bn-ridotta-2.jpg

 

 

Cibo e Parola. In collaborazione con Maria di Chiamati alla Speranza.

Il tempo del digiuno può diventare l'occasione per la "sottrazione dello spreco" dalla mensa reale e ideale dell'uomo. Mensa reale, perché lo spreco ha una dimensione prettamente alimentare, che coinvolge (soprattutto) i Paesi ricchi a discapito di quelli più poveri; mensa ideale, in quanto lo sperpero - che si traduce in perdita di denaro - si misura anche in beni diversi dal cibo, coinvolgendo tutta una serie di prodotti (da quelli di uso comune a quelli meno consueti) e riguardando non solo le fasce più abbienti della popolazione, ma anche il ceto medio, a volte autore di un ipersfruttamento di oggetti e alimenti, altre volte fautore dell'opzione per il bene di lusso, anche a dispetto delle reali possibilità economiche. Non di rado, lo spreco è poi il frutto di una malaccortezza non sempre calcolata. Da qui la necessità di un vero e proprio allenamento anti-abusivismo consumistico.
Vi è tuttavia un tipo di spreco a cui, forse, si fa ordinariamente meno caso, ma che finisce con l'inquinare la tavola spirituale dell'uomo. La Bibbia contiene un interessante vademecum anti-spreco (e non solo!).
Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Cibo & Parola
4924

b2ap3_thumbnail_DigiunoParole3.jpg

 

Cibo e Parola. In collaborazione con Maria di Chiamati alla Speranza.

Continuiamo a proporvi delle brevi riflessioni settimanali sul digiuno, articolate attorno al tema «Il digiuno che voglio», parole pronunciate da Dio nell'Antico Testamento. Attraverso di esse Egli vuole frantumare l'ipocrisia dell'essere umano, impegnato nell'osservanza di riti, ma spesso lontano - con il cuore - da Lui e dal prossimo. È la stessa ipocrisia contro cui si scaglierà Gesù nel Vangelo, quando inviterà a digiunare, pregare e fare l'elemosina senza suonare la tromba, ma nel segreto del proprio cuore, perché solo dal Padre, che conosce interiormente l'uomo, verrà la ricompensa.

 

DIGIUNARE DALLE PAROLE CATTIVE
Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Cibo & Parola
4746

b2ap3_thumbnail_192-1_wm.jpg

 

 

Il blog compie un anno! Sono in ritardo e per questo ve lo dico con una lumaca.

Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
5170

b2ap3_thumbnail_Piattivuoti-1_20160210-135953_1.jpg

 

 

Cibo e Parola. In collaborazione con Maria di Chiamati alla Speranza.

 

Il tempo liturgico della Quaresima si apre con il Mercoledì delle Ceneri, in cui il simbolismo della "polvere" che i credenti ricevono sul capo ricorda la vanità delle cose, la temporaneità della vita terrena e, in sintesi, la morte che accomuna ogni essere umano.

Inoltre, questo tempo penitenziale viene avviato con la pratica del digiuno e dell'astinenza dalle carni, cui farà seguito, tutti i venerdì di quaresima, l'astinenza dalle carni e nuovamente il digiuno e l'astinenza il Venerdì Santo.

1) La legge del  digiuno "obbliga a fare un unico pasto durante la giornata, ma non proibisce di prendere un po' di cibo al mattino e alla sera, attenendosi, per la quantità e la qualità, alle consuetudini locali approvate. 

 

2) La legge dell'astinenza proibisce l'uso delle carni, come pure dei cibi e delle bevande che, ad un prudente giudizio, sono da considerarsi come particolarmente ricercati e costosi. 

 

3) Alla legge del digiuno sono tenuti tutti i maggiorenni fino al 60' anno iniziato; alla legge dell'astinenza coloro che hanno compiuto il 14'  anno  di età. 

 

(Nota Cei, Il senso cristiano del digiuno e dell'astinenza, n. 13)



IL SENSO DEL PIATTO VUOTO


Ultima modifica il Continua a leggere
Vota:
Taggato in: Cibo & Parola